Passa ai contenuti principali

Il valore del METABOLIMETRO.

Quanto ossigeno brucia il nostro corpo?

La vita moderna porta con sè cattive abitudini che possono mettere a rischio la salute delle persone ma in realtà gli esseri umani sono fatti per muoversi.  E’ vero che la tecnologia (smartphone, tablet, etc.) continua ad avanzare e ad offrire opportunità di comunicazione uniche. Ma è altrettanto vero che rappresenta un enorme rischio per lo stile di vita della popolazione di tutto il mondo, favorendo un maggior grado di sedentarietà rispetto al passato. La sedentarietà può portare all'obesità e a molti altri problemi, come l’ipertensione e patologie cardiache.

Ma cosa succede al nostro corpo quando facciamo attività fisica? In questo articolo racconteremo di come il nostro corpo brucia ossigeno (e non solo) e del valore del metabolimetro, uno strumento medicale con cui è possibile analizzare l’energia bruciata dal proprio corpo.

 

La misurazione del VO2

Ogni volta che svolgiamo un’attività fisica il nostro corpo “brucia” energia derivante principalmente dal cibo che ingeriamo e dalle riserve del nostro corpo: tessuto adiposo e glicogeno muscolare. La conversione di queste riserve in energia, però, non è un processo semplice e il nostro organismo ha sviluppato, nel corso della sua evoluzione, diversi sistemi per farlo.

ESISTONO METODI PER CALCOLARE INDIRETTAMENTE IL VO2MAX, MA IL METABOLIMETRO PERMETTE DI OTTENERE DATI SUL SINGOLO SPORTIVO CON UN LIVELLO DI ACCURATEZZA SUPERIORE.

Alcuni di questi processi, quali ad esempio la glicolisi cellulare, non richiedono la presenza di ossigeno per avvenire e rientrano quindi nell’insieme del cosiddetto metabolismo anaerobico. Altri, come la fosforilazione ossidativa mitocondriale, richiedono ossigeno come elemento imprescindibile e ricadono quindi all’interno dei processi facenti parte del metabolismo aerobico.

Il VO2

In fisiologia, per valutare l’entità dei processi che sottendono al metabolismo aerobico si è soliti misurare il volume di ossigeno consumato in un dato tempo. Tale volume è solitamente indicato dall’acronimo VO2. Facendo attività fisica, in particolare durante attività prolungate quali la corsa o il ciclismo, il nostro organismo fa fronte alle aumentate richieste di energia attraverso il consumo di molecole ad alto contenuto energetico quali zuccheri, amidi e lipidi.



Per far sì che queste molecole producano energia, però, è necessario che vi sia ossigeno a disposizione all’interno delle fibre muscolari e dei mitocondri che viene “consumato” durante il processo di produzione dell’energia. Di conseguenza, maggiore sarà il VO2 consumato durante l’attività, maggiore sarà stata l’energia prodotta. Il VO2 rappresenta perciò il parametro principale per definire la capacità aerobica di un individuo, ossia la capacità di produrre energia attraverso meccanismi che richiedono l’utilizzo di ossigeno. Si parla, in questo caso, di massimo consumo di ossigeno o VO2 max.

Quest’ultimo parametro è di particolare importanza per l’allenamento e la valutazione dello stato di salute del sistema cardiorespiratorio. La massima capacità aerobica di un individuo, infatti, è determinante per la performance in tutti gli sport di durata e non solo. Allenatori e personal trainer, quindi, tendono a pianificare l’intensità delle sedute di allenamento proposte ai propri atleti e clienti proprio in base a questo parametro.

Misurare il consumo di ossigeno

La capacità aerobica non è misurabile direttamente senza strumenti appositi. Pertanto, numerose aziende hanno sviluppato dei dispositivi, comunemente chiamati metabolimetri, in grado di misurare il VO2 (e il VO2 max) attraverso gli scambi gassosi che avvengono durante la respirazione. Occorre però sottolineare come la misurazione del VO2 max sia fortemente dipendente dal tipo di esercizio svolto.



Questo parametro, ad esempio, generalmente varia se misurato durante la corsa o la pedalata. Inoltre, anche la modalità con cui un dato esercizio è svolto è importante. Prendiamo per esempio la corsa. Tipicamente, la misurazione del VO2max prevede protocolli di esercizio standard detti “a rampa”, quando la velocità del treadmill è incrementata progressivamente, o “a gradini”, quando la velocità aumenta ad intervalli regolari.

A seconda del tipo di allenamento, della durata e della natura del nostro corpo vengono bruciati gli zuccheri o i grassi, ma in ogni caso questa “combustione” è accompagnata dal consumo di ossigeno

L’obiettivo è sempre quello di raggiungere la massima velocità sostenibile dal soggetto per un determinato lasso di tempo. Tuttavia, il modo con cui la velocità cresce può portare a risultati differenti e quindi a VO2 max diversi. Essendo molte le variabili da considerare nella scelta del protocollo di test ottimale è dunque importante rivolgersi a personale specializzato quando ci si vuole cimentare in questa tipologia di test.

Dato che i test diretti per la misurazione del VO2 max sono estremamente faticosi, richiedono una strumentazione apposita e personale specializzato, sono state sviluppate anche modalità di test “indirette” e/o “sub-massimali”. Queste hanno il vantaggio di non richiedere sforzi massimali o strumentazioni particolari, tuttavia, ciò va a discapito della precisione e dell’affidabilità dei risultati ottenuti.

3.Consumo di ossigeno e spesa energetica

Come abbiamo visto, il VO2 è una misura della capacità dell’organismo di produrre energia attraverso l’utilizzo dell’ossigeno. Ciò, però, non vale solo durante l’esercizio ma anche a riposo. Si parla in questo caso di metabolismo basale, ossia della quantità di energia di cui l’organismo ha bisogno per sostenersi in stato di assoluto riposo. In queste condizioni, l’energia necessaria viene fondamentalmente prodotta attraverso processi aerobici, pertanto il VO2 rappresenta il parametro ideale per calcolare la spesa energetica a riposo.

Mediamente, infatti, un individuo a riposo consuma 1 MET, ossia 1 kcal per chilogrammo di peso ogni ora. Allo stesso tempo, però, 1 MET equivale anche a 3.5 ml di ossigeno consumato per ogni chilo di peso al minuto. Questa relazione tra MET e VO2 è di fondamentale importanza perché permette di stimare, partendo dal VO2 la spesa energetica di una determinata attività fisica e di una persona anche in stato di riposo. Pertanto, grazie ai metabolimetri non solo è possibile valutare la capacità aerobica di un individuo, ma anche stimarne il metabolismo basale e la spesa energetica durante l’attività.

Perché i metabolimetri sono importanti

L’analisi del VO2 attraverso l’impiego di metabolimetri è di grande importanza per sportivi e non poiché permette di valutare con precisione sia le capacità aerobiche che la spesa energetica sia durante l’attività fisica che a riposo. Avendo a disposizione queste informazioni, allenatori, medici dello sport e nutrizionisti possono quindi progettare allenamenti altamente personalizzati, valutare lo stato di forma e valutare programmi alimentari adeguati in funzione delle necessità dei singoli individui.

Prenota il tuo percorso PERFORMANCE su BODYLABFRANCIACORTA per eseguire un test di alta specializzazione, per ricevere un piano alimentare e di integrazione adatto alle tue esigenze e per avere un piano d' allenamento per migliorare il tuo livello atletico.

Commenti

Post popolari in questo blog

ALLENAMENTO PRIMA DI TUTTO - #trainingfirst

#trainingfirst Perché l'allenamento è così importante? Perché è attraverso il movimento che noi apprendiamo, prima di ogni altra cosa. Il tessuto muscolare risponde ai segnali del nostro sistema nervoso e viceversa, non è solo un sistema univoco di informazioni che noi consciamente o inconsciamente forniamo ai muscoli . Per esempio le nostre stesse emozioni hanno risultati muscolari evidenti con la nostra postura e viceversa se noi lavoriamo sulla postura attraverso l’ allenamento, lavoriamo anche sulle nostre emozioni. Fior fiore di ricerche sono state svolte a riguardo. Ora invece iniziamo a camminare, a correre, a spingere e a tirare. I benefici di tutti questi movimenti saranno moltissimi, qui di seguito i più evidenti a livello muscolare che quasi tutti conosciamo: miglioramento delle prestazioni sportive e dello stato di forma rafforzamento del tessuto tendineo e connettivale miglioramento dell' apparato cardiovascolare (poiché anche il cuore è un muscolo, quindi maggio

DIFFICOLTA' A DIMAGRIRE?

Fai attenzione a ciò che mangi e vai in palestra ma non vedi i risultati sperati sulla bilancia? Nell’articolo di oggi ti svelerò i diversi motivi e le possibili soluzioni di questo problema. Mangi troppo poco Forse ti starai chiedendo se sia un errore di battitura. Possibile che il fatto di non mangiare abbastanza sia un motivo per non riuscire a perdere peso? E invece è così. Per dimagrire hai bisogno di un deficit calorico , questo è vero, ma se non mangi a sufficienza il tuo corpo va in modalità " risparmio energetico" . Il tuo metabolismo (ovvero la tua capacità di utilizzare le risorse energetiche) si adatta di volta in volta alla quantità di calorie che ingerisci e quindi cerca di cavarsela con quello che ha a disposizione e prova persino di immagazzinare energia. Ma non sarà mai sufficiente, così di conseguenza il tuo sistema nervoso, inconsciamente, inizierà a farti ridurre tutti i movimenti non necessari, dove nel peggiore dei casi, la frustrazione ti porterà a in

Flex Diet e Allenamento

La Nutrizione Flessibile: il Nuovo Metodo per Perdere Peso e Tornare in Forma La dieta per dimagrire più seguita degli ultimi tempi è la  FLEX DIET : contrariamente a quanti in molti dicono o scrivono,  non è una vera e propria dieta ma è un approccio alimentare che ti permette di mangiare quello che vuoi e di raggiungere il tuo obbiettivo. Dimentica le diete restrittive e quella sensazione di fame che accomuna tutte le diete… si tratta di un approccio totalmente diverso che permette di ottenere risultati mangiando tutto quello che si desidera. Pizza, hamburger e patatine fritte, gelato, dolci… con i metodi tradizionali per dimagrire tutti questi alimenti definiti spesso “cibi spazzatura” vengono esclusi dall’alimentazione. Con la FLEX DIET come suggerisce la parola stessa, è possibile invece seguire un regime alimentare flessibile, continuando a mangiare ogni cibo. Ma si può davvero dimagrire mangiando tutto? Scopri come funziona la  FLEX DIET  e come impostarla per raggiungere i tuoi